Sony Alfa 700 - Alpha700 - A700


Sony alfa 700 - detta anche alpha 700, il nuovo gioiello di casa Sony


Sony Alfa 700 - Alpha700 - A700

Quando Sony si present al mercato delle D-slr (reflex digitali) il mondo della fotografia guard con attenzione particolare questa scesa in campo. In fin dei conti il colosso giapponese era il pi grande costruttore di sensori CCD. Per cui c'era molta attenzione. Il primo progetto, la Alfa100, o semplicemente A100, era una interessante macchina fotografica da 10Mp (10 milioni di pixel) con un interessante sistema antivibrazione, per correggere il mosso,integrato sul ccd. Questo sistema, gi npresente sulla Minolta 5D dalla quale deriva, assicurano alla Sony, stato migliorato e adesso pi efficace. La prima D-slr di Sony uno strumento eccellente con una qualit davvero ottima.
Ma la tecnologia si evolve, e anche sony. Infatti gi da mesi Sony ha annunciato la conversione di vari stabilimenti, dedicati alla costruione di CCD, allo sviluppo e costruzione di nuovi sensori CMOS, l'altra grande teccnologia, oggi la pi accreditata.
E' presumibile che questa nuova concezione sia stata il punto di lancio del nuovo giolello marcato Sony, la A700 (alfa,o alpha 700).
Basicamente costruita sul corpo della Minolta Dynax 7, la Sony A700 un corpo con sensore CMOS, chiamato EXMOR, da ben 12,24 Mp (Mp=megapixel, milioni di pixel)
La nuova alfa700, secondo Sony, dovrebbe rappresentare il punto di partenza per la migrazione di molti fotografi professionisti.
Infatti le alfa di sony sono "equipaggiate" di obiettivi Zeiss che, per quanto riguarda la qualit ottica, hanno una ben nota fama. Per l'innesto viene mantenuto quello Minolta, per cui oltre agli obiettivi che Zeiss produrr a marchio Sony, potranno essere impiegati quelli gi esistenti Minolta. Da questo punto di vista i fotografi Minolta non sono rimasti orfani.





Vediamo quali sono le caratteristiche che dovrebbero fare preferire la Sony alfa 700. La risoluzione di 12 milioni di pixel, il monitor posteriore di 3" (3 pollici = 7,5cm c.a). Un nuovo sistema di riduzione del rumore che dovrebbe renderlo bassissimo anche ad alte impostazioni ISO. Lo stabilizzatore direttamente sul sensore, il ch significa che ogni obiettivo montato su questa macchina sar stabilizzato: questo rappresenta un bel risparmio visti i prezzi di questo tipo di obiettivi. Il sensore inoltre equipaggiato di un doppio dispositivo antipolvere che previene lo sporco sul sensore. L'elaborazione dell'immagine viene data ad un nuovo processore, ora chiamato Bionz. L'accensione avviene in meno di 1 secondo, quindi sarete praticamente pronti da subito a scattare e la scrittura, decisamente veloce, di 2 secondi per il file RAW e inferiore al secondo per il Jpeg.
La nuova sony alfa700, grazie al doppio slot, accetta sia memorie di tipo CF (Compact Flash) che SD (Stick Duo). Il range ISO di 100-3200 espandibile a 6400. Il peso di 690gr il minore tra le 3 dirette avversarie al momento (Canon 40d, 740gr; Nikon D300, 825gr.). A differenza di queste, la nuova sony non ha un secondo display, ovvero quello dedicato alle impostazioni di base della macchina, come iso, tempo di scatto e rapporto focale (f). In questa posizione si trovano i pulsanti per il bilanciamento del bianco, l'impostazione del valore ISO e il drive, posizione che non sembra esserer molto felice.
La messa a fuoco precisa grazie agli 11 punti, inoltre in condizioni di scarsa luce, una luce rossa dedicata rende agevole questa operazione in AF.
I tempi di posa vanno da 1/8000 a 30 secondi, in pi possibile la posa lunga con l'ausilio del cavetto (bulb) opzionale.
Quando sony usciva con la alfa 100 annuncio di volere una importante fetta di mercato delle D-slr oggi dominata dal duo Canon/Nikon.
Sebbene entrambe le alfa siano ottime macchine e il modello 700 a dir poco eccezionale, ci sembra alquanto difficile supporre che con 2 soli modelli sony possa riuscire nell'intento dichiarato.

Categorie